Tag: Crema di patate

Crema di patate e cozze

Alcuni ingredienti son piacevoli da soli ma danno del loro meglio quando accompagnano altro. Come le persone.

Io sono abbastanza buono da solo ma se mi accompagno a mia moglie son molto migliore. Questo non avviene sempre, a volte è capace di togliermi fuori quanto di peggio ho. Ma sono momenti rari.

Messa così potrebbe sembrare che io son la patata e mia moglie la cozza e non è vero nel senso comune della cosa.

Diciamo che io e lei abbiamo ruoli diversi e che tali ruoli vengono svolti in maniera abbastanza normale da ciascuno di noi. Diciamo anche che alla fine, per quanto seria e professionale, mia moglie, è quella che aggiunge sapore alle cose della mia vita.

Crema di patate e cozze

  • 1 chilo di cozze
  • 2 grosse patate
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 grossa noce di burro
  • sale
  • pepe
  • olio di oliva extravergine
  • prezzemolo
  • aglio

Tagliare le patate a cubetti e metterle ad insaporire in una casseruola assieme a un po’ di olio. Appena prendono il velo attorno aggiungere il latte ed un bicchiere di acqua. Coprire e fuoco al minimo.

Pulire le cozze e metterle ad aprire in padella coperta con un poco di olio, di asilo e di prezzemolo intero. Se volete anche mezzo bicchiere di vino bianco secco.

Appena si aprono spegnere e cominciare a pulirle separando quelle più belle da quelle più bruttine. Mantenerle in caldo dentro a due cucchiai del loro brodo coperte con del cellophane. Le più belle integratele con la noce di burro ed una bella girata di pepe.

Aggiungere l’acqua delle cozze filtrata alle patate e portatele a cottura ovvero quando le patate saranno sfatte. Frullare bene aggiungendo le cozze bruttine. Passare al setaccio e regolare di sale e densità.

Impiantare aggiungendo le cozze nel piatto e un filo d’olio.

Tag:, , , , ,

Patate, baccalà e formaggio (Bianco)

Patate, baccalà e formaggio è un piatto tutto bianco. E diventa una tela o un foglio da iniziare, come la testa quelle volte che capita che non si abbia nulla da dire e quel poco che ci decidiamo a buttare giù, quello che ci serve per iniziare, condizionerà tutto assieme al contesto e alla compagnia, alla timidezza o all’opportunità.

Perché ho messo insieme questi pochi ingredienti? Perché c’erano e perché non c’era altro e avevamo voglia di mangiare qualcosa di caldo e confortante.

E a volte vanno bene anche cose così dove la grassezza è minima e è stretta stretta all’acidità e tutto scivola giù fino allo stomaco senza assassinare il sonno.

Il risultato è stato piacevolmente interessante. I bambini hanno finito tutto, il più piccolo l’ha richiesta.

Patate, baccalà e formaggio (Bianco)

  • 1 filetto di baccalà già dissalato che basti a chi c’è a cena
  • 2 grosse patate bianche
  • 1 cipolla bianca media
  • 4 bicchieri di latte
  • acqua
  • sale e pepe
  • olio di oliva extravergine
  • formaggio cremoso (io ho utilizzato quello che faccio da solo)
  • 1 foglia di alloro

Mettere a cuocere il baccalà al vapore (sopra al latte e all’acqua) assieme alle patate pulite, sbucciate e tagliate a fette di un centimetro.

Nel frattempo a fuoco moderato cuocere in una casseruola la cipolla tagliata finemente. Non deve prendere colore.

Quando il baccalà sarà cotto, dopo circa 15 minuti, toglierlo e mantenerlo in caldo.

Aggiungere le patate alla cipolla e far insaporire brevemente assieme alla foglia di alloro.

Unite acqua e acqua della cottura al vapore e far spappolare le patate. Non mettete tutta l’acqua della cottura del baccalà, aspettate e utilizzatela per integrare il sale.

Togliere la foglia di alloro e frullare aggiungendo olio e regolando di sale.

Impiantate e aggiungete un giro d’olio e pepe nero.

Per la ricetta del formaggio guardate qui. È veloce da fare, ottimo di sapore e mi dura una settimana in frigo.

Tag:, , , ,

Crema di patate, chorizo e panna acida

A casa mia le creme e le zuppe non hanno mai riscosso gran successo. L’unica era la ribollita o la zuppa di fagioli, pasta e fagioli per intendersi, mentre minestroni e passate di verdure non venivano mai nominate.

Mangiate così, preparate e lisce, a me vengono a noia dopo il primo piatto allora devo cercare di gonfiarle con qualcosa, cercare una soluzione che renda vario ogni cucchiaio.

Mi rendo conto che poi invece cado sempre nel solite cose, se ci fate caso questo piatto assomiglia tanto a quello che proposi qualche mese fa: Crema di ceci, ‘nduja e creme fraiche.

Questa volta però mi pareva che il chorizo, un salame affumicato e speziato spagnolo, potesse andarci meglio. Quel sapore di fumo si avvicinava almeno un poco allo speck che accompagnava la zuppa mangiata in malga quest’estate.

Crema di patate, chorizo e panna acida

per 3 persone:

Mettete ad imbiondire la cipolla tagliata sottilmente in una noce di burro e nell’olio.

Nel frattempo pelate le patate e tagliatele a cubetti piccoli, 1 centimetro circa.

Aggiungeteli alle cipolle imbiondite e coprite con parti uguali di latte e acqua.

Fate bollire a fuoco minimo fino a quando le patate non si disfano poi frullatele con il frullatore ad immersione assieme all’altra noce di burro fino a quando non avrete una crema omogenea.

Regolate con un poco di latte la densità e profumate con del pepe macinato. Lasciate ad intiepidire.

Nel frattempo frullate il chorizo fino a ridurlo ad una sorta di pasta.

Fatelo sciogliere in una piccola padella facendogli tirare fuori tutto il grasso. Se non fosse sufficiente aggiungete 2 cucchiai di olio.

Aggiungete il pane grattugiato e fate insaporire e tostare. Per 3 persone dovrebbero essere sufficienti 5 o 6 cucchiai di pane.

Impiattate. Io ho fatto un nido con il pane al centro della crema e nel mezzo ho messo un cucchiaio di panna acida.

Tag:, , , ,