Zuppa di pesce con i broccoli romaneschi

Avete presente quando partite con l’idea di voler fare una ricetta e proprio non ve la levate? Quando l’idea ce l’avete dalla sera prima e siete andati a procurarvi un broccolo romanesco (che tra l’altro a voi non è mai piaciuto tanto) e avete messo i bambini a spezzare gli spaghetti in pezzetti da due o tre centimetri.

E avete fatto in modo che ci fosse tutto pronto in casa e che l’unica incombenza fosse di andare a prendere la razza il giorno dopo, meglio quella chiodata, ma insomma un meseo fa c’era e non c’è motivo perché non ci possa essere anche il giorno che serve a voi.

Poi una cosa o uscite di casa tardi e correte tenendo per mano il bambino e facendolo sventolare come una bandiera a Trieste e arrivate in pescheria e la razza non c’è. E voi in pochi secondi nominate invano tutto il mese di gennaio e anche il mese successivo e ripiegate su altro.

Ma il pescivendolo è un burlone. La razza c’è.

Zuppa di pesce e broccolo romano

  • 1 razza pulita di media grandezza
  • un broccolo romanesco
  • 200 grammi di spaghetti
  • 1 confezione di pelati
  • 4 o 5 filetti di acciuga sott’olio
  • 4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • prezzemolo
  • peperoncino
  • sale

La ricetta è piuttosto semplice.

Si fanno bollire le ali di razza in un paio di litri di acqua assiema a sedano, carota e cipolla.

Ne ricaverete un bel brodo spesso grazie alla gelatina contenuta nelle ali stesse.

Filtratelo e spolpate le ali mettendo da parte la polpa.

Con l’olio fare un soffritto con aglio tritato e acciughe e peperoncino secondo i gusti e il prezzemolo che toglierete prima di aggiungere il pomodoro poi aggiungete i pelati e fate leggermente restringere.

Aggiungere le cimette del broccolo e cominciare cuocere con il brodo della razza.

Aggiungere gli spaghetti spezzati abbastanza finemente e portare a cottura. Salate leggermente e aggiustate alla fine.

Cinque minuti prima di concludere la cottura aggiungere la polpa della razza.

Aggiustate di sale e servite.

Articolo precedente
La scienza della carne

Post correlati

Nessun risultato trovato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu