Il dilemma dell’onnivoro

Prima di iniziare a scrivere questo libro, non avevo mai riflettuto sulla provenienza dei miei pasti, né mi preoccupavo troppo di quello che avrei o non avrei dovuto mangiare. Il cibo arrivava dal supermercato e, per mangiarlo, bastava che fosse buono” e, aggiungo io, bastava che fosse li.

Il libro di Pollan è molto interessante se non altro per la varietà di esperienze che presenta. La prima di sicuro impatto le altre molto significative.

È una sorta di regressione, un andare indietro partendo da modelli industriali fino all’uomo (inteso come essere umano) cacciatore – raccoglitore.

L’analisi che viene fuori é intensa ed evidenzia come la delega e il non voler sapere siano, in fondo, gli strumenti che utilizziamo per avere la coscienza pulita e continuare con il nostro stile di vita. In questo caso il nostro stile alimentare.

Allo stesso tempo mostra, come ho accennato poco sopra, come sia difficile ritornare allo stato di cacciatori raccoglitori. Ma questa difficoltà è soltanto in un primo momento, poi subentra l’abitudine e diventa facile anche uccidere per procurarsi cibo. Ma tornare ad essere cacciatori, che non uccidono per sport ma per sopravvivenza, o tornare ad essere allevatori, che allevano e macellano i propri animali in simbiosi con il resto dell’ambiente, è difficile anzi quasi impossibile.

Il suggerimento che da Pollan nel finale del libro è di andare a fare la spesa col cervello acceso e come se si fosse in compagnia della propria nonna – da soli non funziona visto che siamo abituati ad immagini di cibo spersonalizzato come quello che appare nella copertina del libro – e acquistare soltanto ciò che lei riconosce come cibo.

In più: acquistare soltanto alimenti che, nelle loro etichette, hanno non più di cinque ingredienti che conosciamo e, se compaiono paroloni a noi sconosciuti, lasciar perdere.

Il titolo originale è “The Omnivore’s Dilemma – The secrets behind what you eat” (2009).

Il dilemma dell’onnivoro
Cosa si nasconde dietro quello che mangiamo
Michael Pollan
Giunti, 2011
ISBN: 9788809746077

, , , ,
Articolo precedente
Petto di pollo all’arancia
Articolo successivo
Giulio Gambelli. L’uomo che sa ascoltare il vino

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu