Altro cibo che abbiamo spesso in frigo è il polpo bollito con le patate. Leggero e fresco appaga il nostro bisogno di cibo non unto, non faticoso e buono per ogni stagione. Tiepido per l’inverno e freddo, anche di frigo, nei mesi caldi.

Con la moda di casa di mangiare preferibilmente cibi di forma tonda, moda che non abbiamo imposta io e mia moglie, ho cercato di proporre anche polpo e patate in forma tonda.

Ho prodotto così questi hamburger. Se devo trovare un errore devo ammettere l’eccessiva altezza di circa 2 centimetri (qualcosa più). La prossima volta mi limiterò a 1,5 o anche meno. E si vede nella foto un’orrida striscia poco cotta tra due crosticine interessanti. Ma dentro tutto era cotto e caldo alla fine.

Hamburger di polpo

  • 400 grammi di polpo bollito
  • 300 grammi di patate lessate
  • 1 uovo
  • mezzo spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • basilico
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale e pepe
  • pangrattato

Sia il polpo che le patate devono essere freddi di frigo.

Tagliare il polpo grossolanamente facendo attenzione a non tritarlo ne troppo finemente ne troppo grande. Si deve sentire al morso.

Schiacciare le patate ma in questo caso cercando di ridurle ad una purea omogenea.

In un contenitore adeguato mescolarli aggiungendo prezzemolo, basilico e aglio tritati finissimamente.

Aggiungere un paio di cucchiai di olio, l’uovo e mescolare energicamente regolando di sale e pepe.

Riporre in frigo un paio d’ore o anche più.

Al momento di cuocere estrarre dal frigo il composto, aiutandovi con del pangrattato rendetelo abbastanza sodo ma non mappazzone.

Con l’aiuto di un coppa pasta – io ho utilizzato quello di circa 8 cm di diametro – preparare le polpette e passatele nel pangrattato leggermente salato.

In una padella leggermente unta ed incandescente fare in modo che si sviluppi la crosticina e servire caldi e salati.

Stanno benissimo con ketchup e maionese o altre salse a vostro piacimento.

, , , , ,
Articolo precedente
Gelato a Firenze (?)
Articolo successivo
Cuocere le uova in lavastoviglie

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu