Salsa tartara

La salsa tartara era un ripiego perché il dramma era ormai successo. Senza accorgercene in casa nostra era terminato l’olio d’oliva e nessuno aveva soluzioni.

Nessuno voleva andare dai vicini a chiederne un bicchiere perché siamo quelli nuovi e non è proprio necessario stabilire questo genere di relazioni fin da subito.

E qualcuno si vergogna e altri dicono “Ma che problema c’è… usiamo l’olio per friggere” ma anche quello scarseggia e molto invece è quel mischiare che non capisci da cosa è composto che nelle bottiglie da tre litri è accompagnato dalla dicitura Olio per friggere e sotto: “Fritture croccanti sempre” e negli ingredienti il mistero si muove sotto ad un generico oli vegetali.

Ecco perché è così pallida.

Ottima con i bolliti e sopra al pane, anche con le carni cotte a lungo tipo il maiale sfilacciato.

Salsa tartara

Il procedimento è quello della maionese veloce.

Per la dose aggiungete:

  • 10 cetriolini sott’aceto
  • 1 pugno di capperi sotto aceto ben lavati e strizzati
  • 1 pugnetto di prezzemolo
  • qualche stelo di erba cipollina (facoltativo)
  • 1 cucchiaino di senape

Tritate finemente il tutto e aggiungetelo alla maionese.

Anche la senape mettetela dentro.

Più facile di così!

, ,
Articolo precedente
Pasta al sugo di salsicce e peperoni
Articolo successivo
Aringa e cipollotti o meglio: Cipollotti e Aringa

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu