Cocotte (asparagi e prosciutto)

“Sono buonissime babbo” mi fa l’eroe della casata buttando dentro pezzettini di pane che s’intridono di quel misto di sapori tondi e confortanti.

Tonnellate di pane che vengono inghiottite da quel coccio caldo e che risalgono sul cucchiaino gocciolanti e grasse per sparire nella sua bocca.

Uguale succede a mia moglie e a me che peschiamo la seconda dalla teglia che ho portato in tavola piena di acqua calda per mantenerli a temperatura.

Bicchieri di vino bianco (il bambino no) e poi si distendono le gambe sotto al tavolo e si slacciano i pantaloni. Un po’ perché sazi, un po’ perché due cocotte anche se come piatto unico riempiono.

La creatura mi trascina per la mano che vuole sistemare la ferrovia.

Cocotte (asparagi e prosciutto)

Per 6 cocotte del diametro di 8/10 centimetri e profonde 5/6 centimetri

  • 6 uova
  • 18 asparagi lessati
  • 1 fetta alta 5 millimetri di prosciutto cotto
  • 1 confezione di panna (quella densa)
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 2 cucchiai di latte
  • burro
  • sale e pepe

Imburrare le cocotte e scaldare il forno a 160°.

Tagliare a pezzetti gli asparagi e a striscioline il prosciutto cotto. Saltarli in padella con una noce di burro.

Stemperare il formaggio con la panna e i cucchiai di latte. Poco pepe.

Mettere gli asparagi saltati con il prosciutto cotto alla base e coprire con l’insieme di panna e formaggio. Creare aiutandosi con il cucchiaio una fossetta nel mezzo.

Rompere le uova nella fossetta facendo attenzione a non spaccare il rosso.

Salare il bianco leggermente ma non il rosso (che poi ci vengono dei puntini colorati in maniera diversa).

Mettere le cocotte in una teglia a bordo alto e riempire di acqua calda fino a metà delle cocotte.

Infornare per circa 10/15 minuti e comunque fin quando il bianco si è rappreso (ma non tanto come per un uovo sodo) ed il tuorlo è ancora cremoso.

Mangiare calde aiutandosi con pane, se tostato o addirittura fritto è meglio, e un cucchiaino.

, , , , ,
Articolo precedente
Biscotti al burro di arachidi
Articolo successivo
Risotto al gin, blu e caprino

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu