Tag: storia della gastronomia

Apicio “De re coquinaria” (Manuale del cuoco esperto)

Nelle scoperte culinarie fatte secoli fa, miei secoli fa, quando giovane affascinato dal cibo mi confrontavo con l’amico che m’introdusse all’Alessi, quella di Apicio fu sicuramente una delle più divertenti.

Ci guardavamo allucinati per quello che trovavamo scritto nel suo ricettario, schifiti a tratti, e curiosi di sperimentare quei sapori.

Trovammo qualcosa che poteva, a nostro giudizio, assomigliarli a Firenze – nel ristorante che ho detto sopra – e nella cucina del rinascimento. Ci procurammo alcuni libri che dovrei avere ancora e provammo a rifare alcune cose.

Vi ripropongo qui il libro di Apicio. (altro…)

Tag:, , , , ,

Il manifesto della cucina futurista di Filippo Tommaso Marinetti

NOTA DI AL FUOCO: Ho deciso di pubblicare Il manifesto della cucina futurista di Filippo Tommaso Marinetti  (anche io) perchè viene citato spesso, perché si trovano molti paralleli tra quello che scrive Marinetti e quello che racconta di sé e soprattutto della sua cucina Adrià. Insomma, è uno strumento pratico e di buona lettura per capire certa cucina contemporanea. Riguardo al resto, alle affermazioni iniziali e principalmente la glorificazione di quell’anima nera, toglierle non è affare mio, non sono un censore. Leggetele per quello che sono. Vaneggiamenti.

Il Futurismo italiano, padre di numerosi futurismi e avanguardisti esteri, non rimane prigioniero delle vittorie mondiali ottenute “in venti anni di grandi battaglie artistiche politiche spesso consacrate col sangue” come le chiamò Benito Mussolini. Il Futurismo italiano affronta ancora l’impopolarità con un programma di rinnovamento totale della cucina. Fra tutti i movimenti artistici letterari è il solo che abbia per essenza l’audacia temeraria. Il novecentismo pittorico e il novecentismo letterario sono in realtà due futurismi di destra moderatissimi e pratici. Attaccati alla tradizione, essi tentano prudentamente il nuovo per trarre dall’una e dall’altro il massimo vantaggio. (altro…)

Tag:, , , ,

Una storia commestibile dell’umanità

Standage è un giornalista dell’Economist e mette in evidenza come esista una fortissima relazione tra cibo ed evoluzione. Non soltanto con l’evoluzione del genere umano come specie, non serviva certo un libro, ma come spinta per l’evoluzione tecnica. Di come i sistemi politici lo abbiano sempre utilizzato come primaria macchina di sostentamento del potere e delle lotte.

Potremo sintetizzare il libro nell’affermazione di Jean-Anthelme Brillat-Savarin: “Il destino delle nazioni dipende dal modo in cui si nutrono” che difatti è posta ad inizio del volume come estrema sintesi del lavoro che seguirà. (altro…)

Tag:, , , , , ,