Bastoncini agrodolci di pollo

Il razzismo è una brutta bestia dalla quale per fortuna sono scappato. Non dal razzismo di casa che non c’è mai stato ma da quello figlio delle città di provincia, delle piccole città bastardo posto, figlio della stupidità della massa e, soprattutto, del singolo.

Ho memoria vivida (potrei dire a che altezza della curva ero e accanto a chi, quanto ero stretto tra le persone e il parapetto) in curva a vedere la squadra di casa contro il Milan all’età di dieci anni feci il verso della scimmia contro Luther Blissett e ancora, se ci penso, sento un forte senso di colpa (allora non me ne pentii perché ero scemo) o meglio di vergogna.

In casa mia della scimmia si da a chi non tocca nulla da mangiare, non so perché. “Non fare la scimmia!” si dice. Il vezzeggiativo tocca invece a tutti i neonati (belli e brutti non fa differenza).

Di tutte le versioni di bastoncini di pollo prodotte questa è quella che ha riscosso maggior successo. Ho evidenze importanti, prove certe: la scimmia di mia nipote che ne ha mangiati almeno quattro pezzi.

Bastoncini agrodolci di pollo

  • mezzo petto di pollo
  • 1 cucchiaio di miele di acacia
  • 1 cucchiaino di paprika affumicata (o dolce se non l’avete affumicata)
  • succo di 1 lime
  • mezzo cucchiaino di pepe di sichuan
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco o di riso
  • 2 spicchi di aglio
  • pane grattugiato
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 2 cucchiai di verde di cipollato tritati
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Tagliare a striscione il petto di pollo privato degli ossicini, delle cartilagini e del grasso.

Mettere tutti gli ingredienti fino all’aceto dentro ad una ciotola, aggiungere uno spicchio d’aglio tritato finissimo e il pollo.

Mischiarli e lasciarli riposare in frigorifero per due o tre ore coperti di cellophane.

Aggiungere ad una quantità sufficiente di pane grattato l’altro spicchio d’aglio grattugiato o tritato finissimo, il prezzemolo tritato, il verde del cipollato ed il sale. Olio per rendere più morbido il pane.

Panare il pollo e disporlo su delle placche per cuocere in forno sotto al grill dopo aver cosparso, ancora, con un filo di olio.

Salare se necessario.

, , ,
Articolo precedente
Ristorante Magorabin (Torino)
Articolo successivo
Senape al miele

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu