Giorno: 17 Ottobre 2012

Diventare un, o una, food blogger

Scopro che un parente è food blogger. Così, casualmente, leggendo le modifiche al suo profilo Facebook. Lui lavora nel mondo informatico per un’azienda che sviluppa siti web.

Mi sorprendo perché notoriamente è uno che non ha un grande interesse per queste cose, uno che vive al limite del troppo magro e che si preoccupa di ogni boccone. Un ragazzo comunque attraente, di bell’aspetto e con una buona scrittura che ha scoperto la differenza tra San Daniele e Parma dopo aver incontrato, due anni fa circa, una ragazza che non disdegna la buona tavola ma che non ha in realtà praticamente nessuna esperienza in questo campo. Ma poco conta.

L’altra sera l’ho incontrato e gli ho chiesto: “Scrivi di cibo e non mi dici nulla? Dammi l’indirizzo del tuo blog e lo leggerò con grande piacere!”

Lui con un’espressione della faccia che lascia trapelare appena disagio ma che emana un esplicito “Ma perché mi stai scalinando?” mi dice: “In realtà qualcuno in ufficio lo ha aggiunto al mio curriculum perché c’era la possibilità di intascare qualcosa e ho scritto un paio di articoli per un sito web piuttosto conosciuto”

Come mi ha detto il nome del sito mi son detto: “Capisco. Scrive per la novella duemila della cultura gastronomica italiana” e mi sono tranquillizzato.

Però che tristezza.

Tag:, , ,