Cuocere il Cotechino (la lettera maiuscola è d’obbligo)

Le reti salvano la vita o, quantomeno, aiutano a togliersi qualche soddisfazione.

Se fai il trapezista ti salva la vita. La rete sociale ci salva dalla noia, dalla depressione, li dentro ci stanno tutte le persone che conosciamo. Qualcuna la ami e altre le conosci e basta.

Da li, da quella più intima, è arrivato in casa un cotechino fresco dalla zona di Cremona “fatto da una macelleria fidata”. A detta di clienti uno dei cotechini più simili a quello che viene fatto in casa da chi, in quelle zone, ancora spezza il maiale.

Cuocere il Cotechino

E mi sono emozionato, era tutta la primavera e tutta l’estate che aspettavo di poter godere di quella grassezza, di quel sapore. Lo abbiamo accompagnato con un purè molto scarico che facesse sentire molto le patate ed una mostarda di pere proveniente sempre da quelle zone. A bere bollicine.

Ma il problema era poi: come si cucina veramente quel coso?

Cotechino crudo

Nel nostro caso c’era quella rete che teneva compatto il salsiccione.

Se non vi fosse legate attorno un canovaccio che a fine cottura getterete intriso di grasso.

In ogni caso forate con degli stecchini pelle e canovaccio. Lasciate gli stecchini dentro per metà. Gli stecchini devono essere almeno quattro, un per lato. Se poi sono due per lato meglio.

Immergete il cotechino ad acqua fredda e accendete il fuoco. La pentola deve essere molto capiente.

Appena prende il bollore mettete il fuoco al minimo, coprite con il coperchio e fate andare per circa tre ore.

Scusate per le foto.

, ,
Articolo precedente
Storie di grandi chef: Davide Oldani
Articolo successivo
Storie di grandi chef: Antonello Colonna

Post correlati

No results found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu