Trattato sui postumi della sbornia

Il libretto edito da Castelvecchi ha, al momento dell’uscita, suscitato molta attenzione.

Ed effettivamente vale la pena leggerlo. Come altri anche questo è ottimo da sfogliare in vacanza e gode di una scrittura veloce che spesso non disdegna l’utilizzo di parole forti.

Ricco di riferimenti presi da letteratura, arte e cinema (con sorpresa finale) e soprattutto dalla vita dell’autore è una passeggiata godibilissima nel variegato mondo del “giorno dopo”.

Nascondersi è inutile, molti di noi hanno sofferto i malesseri del dopo sbornia, molti hanno cercato nelle storie di amici e parenti riferimenti che potessero offrire soluzioni a tutti quei malesseri che le sostanze alcoliche ingerite la sera prima con troppa disinvoltura hanno lasciato.

Testa e corpo che non rispondono più e tutto il resto.

La prima parte è eccellente, si segue storia e geografia dei postumi si scopre come la descrizione linguistica che viene offerta nelle varie parti del mondo. C’è tutto e molto di più di quello che si pensa di conoscere già.

La seconda parte, quella dove descrive le varie tipologie di postumi diventa invece faticosa da leggere. Ripetitiva e segue sempre lo stesso schema, certo c’è spazio anche per cose divertenti e in certi casi geniali ma che, alla lunga, spossano.

Trattato sui postumi della sbornia
Le ore dell’inutile pentimento
Juan Bas
Castelvecchi, 2004
ISBN: 9788876150173

, , , ,
Articolo precedente
Ristorante Lunasia (Calambrone, Pisa)
Articolo successivo
Apicio “De re coquinaria” (Manuale del cuoco esperto)

Post correlati

NOMA

NOMA

Ho da poco comprato il libro “NOMA” di Philip Brophy. Mi parlerà  di cosa c’è dietro una cucina e una cultura che non conosco, che ho ammirato in foto e…
Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu