Tag: Marmellata di pomodori

Confettura di pomodori

Non è che la faccio abitualmente però mi serviva, era l’elemento più funzionale ai miei scopi e così l’ho preparata. A Febbraio di pomodori? Già il mio supermercato ne è fornito (come il vostro).

Non le ho dedicato molto tempo ma mentre la facevo mi palleggiavo tra cucina e camera di mio figlio per seguirlo mentre faceva i compiti.

Non uso molte marmellate, mi piacciono sui dolci e a volte con formaggi, quando la gente mi parla della bontà del pane con burro e marmellate o confetture ho conati di vomito, quando la gente mi rompe le scatole sul fatto che le marmellate sono di agrumi e le confetture di tutto il resto mi annoio profondamente.

Le marmellate e le confetture sono momenti sporadici della mia vita. Legate ad un bisogno nel quale sono comprimarie e raramente protagoniste. Anche nella crostata di marmellata la protagonista è la frolla.

Soltanto un ricordo ho bello della confettura. Io e la mia ragazza bloccati in tenda da un nubifragio sotto la Marmolada a mangiare fette di salame industriale con un po’ di marmellata di fichi fatta da sua madre.

Quasi dimenticavo. La marmellata (voluto) di ciliegie è quanto di più cattivo esista.

Confettura di pomodori rossi

  • 400 grammi di pomodori rossi, i più acidi che trovate
  • 100 grammi di zucchero di canna grezzo
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 1 limone

Frullate i pomodorini e poi passateli al setaccio.

Mettete a bollire il liquido ottenuto assieme allo zucchero, metà limone spremuto e all’aceto.

Continuate a cuocere fin quando non si dimezza la quantità e si addensa.

A quel punto spegnere e lasciar raffreddare in frigo coperto.

Quando è freddo regolare l’acidità aggiungendo piccole gocce di limone.

A me serviva ben acido.

Si conserva in frigo coperto per tre o quattro giorni.

Tag:, , ,