Pollo e peperoni all’uso d’oriente

L’ho detto, lo ripeto e lo confermo. Anzi mi sbilancio e dico che è l’unica soluzione. Una delle due possibili almeno.

Soltanto due cose aiutano a sviluppare quello che vogliamo fare e essere: copiare chi è più capace di noi, interiorizzare quanto fatto da chi è migliore di noi e tendere in quella direzione, ricercare a senso quanto più ci avvicina a queste cose. Nel nostro caso a certi sapori.

Quante volte ho fatto il pollo con i peperoni soltanto i meta tag lo sanno, seguendo ricette e dimenticandole per cercarle in fondo alla memoria. E ho sbagliato (e non pubblicato) e fatto a modo (e pubblicato).

Ma qui il peperone poltriva nel fondo del frigo e la giornata era giunta al momento in cui si deve nutrire chi vive con te. Una cosa l’hai capita: piccoli pezzi e fuochi altissimi ti consentono di avere cotture saporite e veloci, succose e fresche.

Pollo e peperoni all'uso d'oriente

  • 1 petto di pollo non troppo grande (o 4 sovraccosce sarebbe meglio)
  • 2 peperoni rossi
  • 3 cucchiai di farina 00
  • 2 cucchiai di paprica dolce
  • 1 cucchiaio di paprica affumicata
  • 4 o 5 cucchiai di salsa di soia
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 centimetri di zenzero grattugiato
  • 3 cucchiai di olio di semi

Pulite il pollo dalla pelle e dai nervi, dalle cartilagini e dagli ossi e tagliatelo a piccoli pezzi.

Mischiate farina e le due papriche e infarinate leggermente il pollo.

Scaldate in un wok l’olio di semi alla massima temperatura assieme all’aglio e allo zenzero grattugiato.

Gettate il pollo in padella e sempre a fuoco massimo fate arrostire, bruciacchiare e caramellare ogni cosa.

Quando sarà tutto cotto aggiungete i peperoni puliti e tagliati a listarelle di mezzo centimetro per tre (più o meno mica siamo ingegneri).

Salutate il tutto in modo che si scaldino anche le verdure poi aggiungete la salsa di soia e fate assorbire dagli altri ingredienti.

Servito bollente con riso è la morte sua. Se lo accompagnate invece che col riso con del pane va bene uguale.

ps: all’Orientale perché ci metti la salsa di soia? Perché fai piccoli pezzi di carne e verdura? Perché tieni il fuoco al massimo e non lo abbassi mai? Perché c’è aglio e zenzero? Perché usi olio di semi? Che bischerata

, , , ,
Articolo precedente
Spessore 2016 (serata del 24 Giugno)
Articolo successivo
Salsa alla vodka

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu