Insalata belga in padella

Ci sono piatti che sono veramente banali ma che in casa piacciono molto.

Il bambino poi ama particolarmente certi sapori, l’aspro e in qualche modo l’amaro. Non il radicchio in insalata e da questo punto di vista ha preso da me e non dalla madre.

L’insalata belga è entrata in casa mia attraverso le barchette farcite da mangiare fresche come fosse un crostino.

La trovavi ad ogni pranzo o cena di famiglia, quando qualcuno era invitato a casa assieme alla tradizione si era intrufolato questo vegetale. E mia madre sfogliava e usava le foglie inutilizzabili come barchetta, quelle più piccole del centro, per pinzimonio.

Poi creme di tonno e maionese, gorgonzola lavorato e noci e poco altro.

Cotta arrivò assieme al cambio di casa quando mio padre ebbe a disposizione una griglia nella quale grigliare tutto.

Insalata belga in padella

  • tre insalate belga
  • olio
  • aceto balsamico
  • sale

Tenete le insalate fuori dal frigo fin quando non saranno a temperatura ambiente.

Togliere le foglie più esterne e pulire la base facendo in modo di lasciare le foglie attaccate.

Dividere l’insalata in quattro per la lunghezza.

Mettere al fuoco una padella piana abbastanza grande da contenere tutte le parti, 12 parti a questo punto, in un unico strato.

Prima di mettere l’insalata ungere la padella con due cucchiai di olio.

Appoggiare l’insalata dalla parte del taglio e lasciar imbrunire a fuoco medio poi girare e far dorare anche l’altro taglio.

Toglierle e condire con aceto balsamico e sale.

Fate in modo che l’insalata rimanga croccante e non diventi moscia (come faceva mio padre).

, ,
Articolo precedente
Insalata di coniglio
Articolo successivo
Non c’è gusto

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu