Bastoncini di pollo (caro il mio Piaget)

Quando lavoravamo con Piaget e la Togliatti all’osservazione dei bambini scoprimmo che sviluppano in età precoce attrazione verso i cibi ricchi di colesterolo e trigliceridi mantenendo questa attitudine fino all’avanzata età adulta. Ma è soprattutto una modalità maschile.

  1. “Tutto ciò che ha una forma riconoscibile sarà mangiato più facilmente dai bambini”
  2. “Tutto ciò che può essere mangiato con le mani sarà mangiato più facilmente dai bambini”
  3. “Ai bambini piace il fritto”
  4. “Non sempre i bambini amano i formaggi”

Questi assiomi derivano da molte ore di osservazione del comportamento alimentare di un bambino di sesso maschile, nell’ambiente domestico, in un periodo che va dai 2 ai 5 anni.

A questo si aggiungono analoghe osservazioni effettuate da decine di altri ricercatori della sfera infantile raccolte in sessioni sperimentali a casa mia o loro.

Piaget e la Togliatti sostenevano che il campione di bambini era troppo ridotto e quindi non valido e le nostre storie si sono separate. Peggio per loro.

Bastoncini di pollo (caro il mio Piaget)

  • 1 petto di pollo
  • 5 o 6 cucchiai di farina di polenta
  • sale
  • pepe
  • olio
  • formaggio erborinato o tipo Brie (facoltativo, spesso solo per adulti)

Accendere il forno a 220 gradi.

Tagliare il petto di pollo in fette alte poco più di 1 centimetro e poi a bastoncini lunghi circa 10 centimetri e larghi 2 centimetri.

Mescolare la farina con un bel pizzico di sale e una macinata di pepe.

Infarinare per bene il pollo.

Mettete della carta da forno in una teglia e ungetela leggermente.

Poggiatevi sopra i bastoncini e con un filo di olio bagnate la superficie.

Infornare per 10 o 12 minuti ricordandovi di accendere il grill per dorare la superficie negli ultimi minuti.

Se volete, appena tolti dal forno aggiungete una sottile fetta di formaggio.

PS: L’ultima volta che li ho fatti avevo a disposizione una confezione di polenta aromatizzata al tartufo (non uso queste cose ma mi era stata regalata. Dicono tutti così!) e l’ho utilizzata. Il profumo di tartufo sparisce quasi del tutto ma almeno me ne sono liberato.

, , , , , ,
Articolo precedente
Cappelletti ripieni d’anatra
Articolo successivo
Carciofi al tegame (acciughe, limone e liquirizia)

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu