E ancora, attacchi di voglie. Settimane che nella mia testa queste cozze frullavano e davano segno di sé. Mentre le pulivo ho dovuto sorbirmi anche una riflessione da parte di mia moglie.

La cozza, diciamocelo, fa senso a guardarla. Se si nasconde sotto al pane grattato e si gratina in forno è anche carina ma appena aperta (cruda o cotta fa lo stesso) è molliccia e brutta da vedere e non fa venire voglia di mangiarla. Solo il pane ammollato con la loro acqua mi fa gola.

Questo almeno è quello che pensa mia moglie. Io e mio figlio siamo di altra opinione e a tavola lo abbiamo dimostrato con menti unti come – e più – delle mani, tracce sui nasi e sulle magliette, tovaglioli che si consumavano con agilità. Tutte cose da uomini al trogolo.

Cozze alla marinara

Da noi per le cozze, per il pesce in generale, dobbiamo accontentarci spesso della grande distribuzione quindi da quel punto di vista di qualità non il massimo.

  • 2 kg di cozze
  • 4 spicchi di aglio
  • prezzemolo
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • limone

Pulire sotto l’acqua le cozze raschiando quando ce ne è bisogno e strappando il bisso, quella sorta di peluria che la bestia utilizza per rimanere attaccata, aiutandovi con un coltello.

Mettere sul fondo un filo d’olio, le cozze, l’aglio pulito e schiacciato ed i gambi del prezzemolo.

Fuoco vivace e pentola coperta fatele aprire agitando la pentola per muoverle. Se non ce la fate così aiutatevi con un mestolo.

Appena, e se dico appena è appena, si sono aperte spegnete il fuoco e impepate leggermente.

Gettatevi anche le foglie del prezzemolo lavate e tritate grossolanamente.

Servire assieme al limone e a grandi, enormi, quantità di pane.

Se volete, alla belga e anche i francesi se ne sono appropriati, servitele assieme a delle patate fritte bollenti e ben salate. Sono ottime e le chiamano moules frites. Nel caso aggiungete un poca di panna al fondo delle cozze, o anche no.

, , , ,
Articolo precedente
Crostini rossi
Articolo successivo
Sesso pornografico verso Sesso reale: le differenze spiegate con il cibo

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu