Paccheri con ragù di gamberi

La sera prima avevo assistito alla lezione di un insegnate della scuola alberghiera che agli allievi aveva mostrato un bel saggio di tradizione e rigidità.

Si era scagliato contro Adrià e tutti i suoi allievi con una veemenza che pareva di trovarsi difronte al leader di un movimento per la purezza della cucina. E per sua stessa ammissione non aveva mai provato ristoranti che proponevano quella tipologia di cucina.

Io non ero potuto intervenire, il mio ruolo non me lo permetteva, ma questa cosa mi ha dato da pensare a come venga trasmesso questo rigetto verso il nuovo, verso il meticciato gastronomico.

Lui esaltava il ragù di Eduardo de Filippo dicendo che quello si è un capolavoro. E aveva ragione. Però in maniera parziale, in quella maniera così piccola e stupida che hanno tutti quelli che professano verità assolute.

Paccheri con ragù di gamberi

Però mi aveva fatto venire voglia di cotture lente, di salsa di pomodoro che estrae ogni sapore e se ne impadronisce. Ma avevo solo gamberi e niente carne. Ho fatto così:

  • 8 gamberi con testa e il carapace
  • 4 scalogni
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 gambi di prezzemolo
  • 1 barattolo di pelati
  • 3 cucchiai di olio di oliva
  • 4 chicchi di pepe nero
  • sale
  • peperoncino a piacere

Sgusciare i gamberi e privarli della testa. Le polpe metterle in frigo.

Mettere in una pentola, capace di contenere in maniera abbastanza precisa anche il pomodoro che arriverà, l’olio e gli scarti dei gamberi (che scarti non sono ma è per intenderci).

A fuoco vivace farli tostare poi aggiungere due dei quattro scalogni affettati sottilmente, l’aglio tritato grossolanamente, il prezzemolo ed il pepe. Proseguire la cottura per altri 2 o 3 minuti.

A questo punto abbassare il fuoco al minimo, anzi, spostate tutto sul fuoco più piccolo regolato al minimo e aggiungete i pelati frullati ed una tazza di acqua fredda.

Con un mestolo di legno schiacciate tutto e coprire.

Ora potete mettetevi sul divano e guardate un bel film o due e fate ritirare tutto della metà, a me ci son volute tre ore.

Aggiungete ancora un bicchiere di acqua e gli scalogni rimasti ma prima divideteli a metà e fateli caramellare velocemente in una padella con un filo d’olio. A noi interessa che, lì dove avete tagliato, si formi una bella crosticina ben caramellata ma senza bruciare.

A questo punto è ora di cena.

Tritate minutamente, ma non purea, le code di gambero e saltatele velocemente con un poco d’olio ed il peperoncino se volete.

Mettetele in un piatto poi filtrate la salsa fatta con i gusci direttamente nella padella dove avete fatto rosolare i gamberi.

Cuocete a metà i paccheri poi versateli nella salsa. Portateli a cottura facendo attenzione che tutto il sugo vada a ricoprire morbidamente la pasta.

, , , ,
Articolo precedente
Paté di fegatini di pollo
Articolo successivo
Gnocchi ricotta e basilico

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu