Spaghetti con la bottarga

Nel mio lavoro capita di avere incarichi alla sera per la mattina seguente. Magari poche ore di lavoro da fare ma da quelle poche ore può arrivare altro lavoro.

Non c’è modo di improvvisare nulla, quelle poche ore diventano importanti per il futuro. Su quelle vieni pesato e ti viene cucito un abito addosso che poi difficilmente potrai toglierti.

Però devi accettare e sacrificare la notte, o quanto meno una parte della notte, per prepararti per il giorno dopo.

Ugualmente in certi piatti c’è bisogno di sfruttare l’occasione. Mia zia mi chiede se mi ricordavo la pasta provata durante le vacanze di Natale. Io rispondo di si e che era buonissima. Tieni questa bottarga, mi dice, che io e lo zio andiamo via e mi rimane qui. E la ricetta? Te l’ho scritta.

E allora anche se è Agosto, e suderò mentre la mangio, si fa. Anche se la digerirò più lentamente si fa. Sacrificio nel lavoro e anche nella vita (ma chi non ne fa?). Siamo benedettini.

Spaghetti con la bottarga

Per 2 persone:

  • 160/200 grammi di spaghetti
  • bottarga di muggine (secondo i gusti)
  • 6/8 cucchiai di olio extra vergine
  • 4 cucchiai di pane grattugiato
  • 2 spicchi di aglio
  • 6 foglie di basilico
  • peperoncino ad libitum

In una padella tritare finemente l’aglio ed il peperoncino e insaporire l’olio.

Toglierne la metà (di olio e aromi) e in quello che rimane in padella tostare il pane.

Metterlo in un piatto e pulire velocemente (ma bene) la padella.

Cuocere gli spaghetti normalmente e gettarli in padella assieme all’olio aromatizzato tolto all’inizio. Non quello col pane.

Saltare velocemente e spegnere il fuoco.

Aggiungere la bottarga ed il basilico e amalgamare bene sbattendo e scuotendo.

Per ultimo rimettere il pane tostato e amalgamare di nuovo.

I passaggi non sono messi a caso. Se tostate il pane assieme a tutto l’olio e aggiungete la bottarga per ultima non le darete modo di attaccarsi bene agli spaghetti e rischierete di trovarvi blocchi estremamente saporiti e altri molto più sciapi. Seguite tutti i passaggi e vi troverete bene.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *