Acciughe sotto pesto

Mia suocera in cucina è un personaggio strano, riesce a preparare capolavori utilizzando metodi che ogni cuoco alle prime armi comprenderebbe come errati (di più catastrofici) e a fare catastrofi seguendo per filo e per segno ricettari dettagliatissimi o ricette tradizionali codificate da secoli.

Queste acciughe sono una di quelle cose con le quali mi legò fortemente a sua figlia. Timoroso di non poterne più mangiare in un modo o nell’altro riuscì per anni a sfuggirmi rifiutandomi la ricetta; sempre in maniera garbata e sottile ma sfuggiva.

Adesso che da qualche anno ho sottoscritto il contratto di matrimonio e assieme abbiamo generato il nipote la ricetta è arrivata. Ma cerco di continuare a farle fare a lei quanto più possibile.

Acciughe sotto pesto

  • 10 acciughe sotto sale
  • mezza carota non troppo grande
  • mezzo spicchio d’aglio
  • un quarto di una cipolla non troppo grande
  • un pezzetto piccolo di sedano
  • prezzemolo
  • olio d’oliva
  • aceto di vino bianco

Lavare le acciughe sotto acqua fredda eliminando il sale.

Apritele e privatele di lische e interiora. Eliminate più lische possibile e appoggiatele sopra ad un canovaccio.

Quando le avrete pulite tutte sciacquatele un’ultima volta con l’aceto poi tamponatele velocemente.

Lavate e pulite le verdure e gli odori e tritarli finissimi. Come vedete dall’immagine sono proprio microscopici.

Usate il frullatore agendo a piccoli colpi. Devono essere finissime ma non purea.

Strizzate bene le verdure per eliminare la loro acqua di vegetazione.

Mischiate verdure e olio e mettete in un barattolo a strati con le acciughe.

Nel caso integrate con altro olio.

, , , , ,
Articolo precedente
Ristorante Marconi (Sasso Marconi, Bologna)
Articolo successivo
Sformato di riso al sugo

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu