Terrina di pollo ai peperoni

Una cosa che mi affascina sempre, e non faccio mai, sono le terrine. Quelle salate in particolare e quelle dolci le lascio agli altri.

Non le faccio praticamente mai perché sono lunghe da fare, laboriose e soprattutto la cottura è sovente rognosa. Bastano pochi minuti in più che diventano stopposi, pochi minuti in meno e sono crudi.

Le terrine sono di quelle cose che vanno preparate il giorno prima. Come a me non vi verranno bellissime; lo spero altrimenti la mia autostima va a farsi benedire.

La parte che trovo più difficile è bardare il contenitore. Ma non ho affettatrice in casa e mi devo adattare. Il taglio, anche quello, lo trovo complicato. Ho provato con il coltello da pane e con quello da arrosti e i risultati non mi sono mai piaciuti. Dovrei provare con quello da salmone ma non ce l’ho e non ho intenzione di comprarlo.

Terrina di pollo ai peperoni

Per una terrina di circa 30 x 10 x 15:

  • 5 o 6 peperoni del colore che volete
  • mezzo petto di pollo più una coscia con sovraccoscia
  • 1 confezione di panna da cucina
  • fette di lardo sufficienti a bardare la terrina
  • sale e pepe
  • rosmarino
  • timo
  • origano
  • alloro
  • olio
  • aglio

Foderate di lardo la terrina e mettetela in frigo.

Cuocete i peperoni in forno come per fare la peperonata, spellatelo e privatelo di semi e filamenti. Come al solito recuperate e filtrate l’acqua prodotta. Fate freddare in frigo le falde.

Prendete due terzi del petto di pollo e tagliatelo a dadini di 1 centimetro di lato.

Mettete i cubetti di pollo a marinare in frigo, girando spesso, per almeno 3 ore con: metà acqua dei peperoni, 1 spicchio di aglio schiacciato, mezza foglia di alloro, qualche filo di rosmarino, pepe.

Passate le 3 ore frullate il restante petto e la coscia più sovracoscia disossata assieme alla panna con una bella presa di sale e del pepe.

Scolate la dadolata di pollo e tamponatela. Incorporatela alla crema di pollo e rimettete in frigo.

Tritate finissime 5 o 6 foglie di rosmarino assieme ad un pizzico di origano e qualche fogliolina di timo e aggiungetele a tre o quattro prese di sale.

A questo punto avete: crema di pollo, peperoni, sale aromatizzato, terrina bardata di lardo.

Aiutandovi con un cucchiaio fate nella terrina uno strato sottile di pollo, poi una di peperoni, ancora pollo e poi peperoni. Un ultimo strato di pollo (a finirlo) e a chiudere peperoni.

Insaporite ogni strato di peperoni con un pizzico del sale aromatico.

Coprite la terrina di carta argentata e appoggiateci sopra un’altro contenitore (uguale al primo) riempito d’acqua. Serve a fare pressione sopra.

Tutto questo va in una teglia con dell’acqua facendo attenzione che arrivi almeno a metà della terrina.

Tutto in forno a 120 gradi per un’ora e mezzo un’ora e tre quarti.

Togliete dal forno e facendo attenzione scolate il liquido dentro alla terrina. Coprite e mettete a freddare in frigo per il giorno dopo. Fate in modo di toglierla dal frigo per non servirla fredda marmata.

Affettate fette alte un paio di centimetri e salsatele con l’acqua dei peperoni avanzata montata con olio d’oliva, sale e un goccio di aceto di vino bianco.

, , , , ,
Articolo precedente
Crostini di formaggio e birra scura
Articolo successivo
Tortellini “al” brodo ristretto

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu