Una merenda col sapore della primavera

Avere voglia di qualcosa di buono, fosse anche solo un problema alimentare, sarebbe semplice da risolvere; basterebbe soltanto mangiare qualcosa che ci piace e che non deve essere necessariamente buono per gli altri, per i medici e per questo universo di fanatici della gastronomia.

Non è necessaria la bella forma ne il dovere accendere i fornelli.

Non è necessario preoccuparsi delle forme e neppure del bilanciamento dei sapori.

Non è necessario il sottovuoto e neppure la bassa temperatura, il plauso del popolo o l’appoggio di qualche entità esterna.

L’unica cosa di cui c’è bisogno è un piatto, qualcosa da appoggiarci sopra e un poco di appetito.

Burrata, agretti e mortadella

Guardate la foto. L’unica accortezza che ho avuto è di condire gli agretti (le barbe di frate) con aceto forte di vino bianco ed un pizzico di sale, di non finire la mortadella e la burrata che altrimenti in casa mi negano ogni sorta di altro piacere. E anche l’affetto.

Mortadella tagliata a macchina ma non eccessivamente sottile. Burrata al meglio che ho trovato, agretti cotti al dente. Aceto di vino bianco più del dovuto; l’ho già detto?

Ecco mi si para così sul piatto il fresco ed il grasso. Pane di giornata e la vita è un poco, pochissimo e per poco tempo – il tempo di mangiare – che le fregnacce sono inutili, più benevola.

Volete presentarla meglio? Un nido di agretti, in mezzo la burrata e sopra la mortadella. Oppure un nido di agretti con in mezzo la mortadella e la burrata a cadere sopra e attorno.

L’unica costante è l’aceto.

, , ,
Articolo precedente
Cena da Marco Stabile con lui in trasferta da Massimo Rossi
Articolo successivo
Siete mai stati a Grand Piquey?

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu