Dire fare mangiare. Un libro di storie gustose

Il libro di Iaccarino è un libro da spiaggia in grado di aiutare chi come me sopporta a fatica il clima e la folla marittima e deve trovare un modo per trascorrere le lunghe ore sotto l’ombrellone o, più saggiamente, al bar vicino alla spiaggia.

Si tratta di una scrittura estremamente piacevole che giustamente si spinge oltre la felice scrittura che l’autore, critico gastronomico di Repubblica Torino, ci riserva nel quotidiano ed online. Del resto non penso che l’autore ambisse a pubblicare un libro tronfio e saccente ma giochi molto sulla leggibilità anche se a tratti esplode, a mio avviso, un po’ dell’indole radical chic che Iaccarino sicuramente possiede (senza offesa) e che è comune a molti gourmet di sinistra.

Il volume è diviso in quattro capitoli. Personalmente ho trovato i primi tre piacevoli ed estremamente evocativi. L’ultimo invece mi è passato con una certa fatica forse dovuta alla conoscenza perfetta delle dinamiche di un invito a cena sia come ospite che come invitato. Da bambino guardavo Fantasilandia e tutte le volte mi domandavo perché il signor Roarke accogliesse gli ospiti dicendo “…sono il signor Roarke, il vostro ospite, benvenuti a Fantasilandia” quando, secondo l’uso familiare l’ospite è chi viene a casa. L’ho capita solo molto dopo la differenza tra ospite ed ospitati.

Il primo capitolo racconta di un pranzo al Louis XV, punta di diamante monegasca di Ducasse, visto con gli occhi di una normale famiglia munita di figlio piccolo. Le descrizioni degli altri avventori e delle modalità di maître e camerieri sono gustose.

Il secondo di un’esperienza fatta dall’autore nelle cucine del ristorante piemontese Fra Fiusch e ben descrive la frenesia e la precisione, la gerarchia e la mancanza di educazione che c’è in molte cucine. Per carità non è un difetto o mancanza di stile, è sopravvivenza.

Nel terzo un’esperienza ai limiti del risolvibile col Malox per i mercati palermitani all’assaggio dell’ottimo cibo di strada siciliano tra pani ca meusa e stigghiole, pesce crudo e arancine.

In conclusione, se decidete di acquistarlo – e mi sento in dovere di consigliarlo – per le vostre vacanze estive, fate in modo di procurarvi anche altri libri che questo scorre veloce.

Dire fare mangiare
Un libro di storie gustose
Luca Iaccarino
ADD editore, 2012
ISBN: 9788896873502

, , , , , ,
Articolo precedente
Piccola trattoria Guastini (Valiano di Montepulciano, Siena)
Articolo successivo
Risotto con le fave per la Festa dei lavoratori

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu